Venezia FC, Melchiorri regala i tre punti al Perugia

Prima squadra   07 ottobre 2018
Condividi   share

Finisce 1 a 0 lo scontro tra Perugia e Venezia FC, valido per la settima giornata di Serie BKT. Un match combattuto, equilibrato e a tratti nervoso, deciso dal bel gol del numero 11 biancorosso, bravo ad approfittare di uno svarione difensivo della squadra di mister Vecchi.

Un risultato che non può rendere felici gli arancioneroverdi, che nella prima frazione avevano tenuto bene il terreno di gioco, impadronendosi del centrocampo e rischiando solo in una occasione, con Mustacchio che da buona posizione non ha centrato la porta su un invitante cross dalla sinistra.

La miglior chance della prima frazione, però, è per i Leoni: Di Mariano parte dalla propria tre quarti palla al piede, lasciandosi alle spalle un avversario dietro l’altro. Arrivato al limite dell’area, il numero 20 lagunare scarica un destro potente che trova la risposta dell’estremo difensore di casa Gabriel. Sulla respinta arriva Zigoni che, calciando a botta sicura, esalta i riflessi del portierone ex Milan, bravissimo a mandare in angolo.

Il secondo tempo si apre subito con una sorpresa: Modolo non ce la fa, al suo posto entra Andelkovic.

Al 53′ padroni di casa in vantaggio su azione di contropiede. Da corner per il Venezia FC, il Perugia trova una ripartenza letale, con Melchiorri che sfrutta un mal posizionamento della difesa ospite per scaricare in rete un destro molto potente, imparabile per Vicario.

I ragazzi di mister Vecchi cercano di reagire, ma senza riuscire a creare alcun pericolo dalle parti di Gabriel. E’ il momento di massima pressione degli arancioneroverdi, che tentano di rientrare in partita, ma la troppa frenesia dei lagunari non paga.

Al minuto 81, però, arriva un altro episodio destinato a segnare la storia del match. Vido scatta da centrocampo verso la porta avversaria, trovando l’intervento in ritardo di Andelkovic, che lo stende. Secondo giallo per l’ex Palermo e Venezia FC in dieci uomini per gli ultimi giri d’orologio.

Passano due minuti e Dragomir ha l’occasione di chiudere definitivamente la partita, presentandosi da solo davanti a Vicario. Il numero 12 lagunare, però, è strepitoso e riesce a tenere in vita i suoi con un grandissimo intervento.

Il Perugia comincia a temere la beffa, che potrebbe arrivare all’87, quando Di Mariano raccoglie il possesso e tenta la conclusione dai venticinque metri. Il pallone però finisce a lato di un soffio e così terminano le ultime speranze di Domizzi e compagni.

Una partita che non ha dato la svolta al campionato come si sperava, nonostante gli arancioneroverdi non abbiano concesso grosse occasioni agli avversari, venendo puniti su una disattenzione collettiva.

Ora arriva la pausa per le Nazionali e con essa l’occasione di fermarsi per capire cosa non ha funzionato in questo inizio di stagione. Solo lavorando duramente si potrà uscire da questa situazione, per tornare a far gioire i tifosi lagunari.

Tags     #PERVEN    

Potrebbe interessarti anche