Lo scontro salvezza è dei Leoni: Di Mariano stende il Foggia

Prima squadra   14 Aprile 2019
Condividi   share

Niente beffa questa volta. Il Venezia FC regge l’urto nel finale respingendo l’assalto del Foggia e festeggia i tre punti assieme ai tanti tifosi accorsi al Penzo per sostenere la squadra in una partita così importante.

Il match salvezza va ai lagunari, dunque, che vincono 1 a 0 e allungano a +3 sui rossoneri, portandosi a un solo punto di distanza dal Crotone prossimo avversario a Sant’Elena tra due settimane.

In campo è stata una battaglia sin dai primi minuti, con un Foggia partito decisamente meglio e un Venezia FC quasi intimorito dall’assetto offensivo degli ospiti. Deli al 4′ testa i riflessi di Vicario, per poi ripresentarsi tre minuti più tardi davanti all’estremo difensore lagunare, senza però trovare lo specchio della porta.
Al 10′ è ancora la squadra di Grassadonia a sfiorare il vantaggio, con Mazzeo che non sfrutta l’uscita a vuoto del numero 12 arancioneroverde e manda alto.

Per la prima occasione dei Leoni, invece, bisogna attendere il 28′, quando Pinato suona la carica con un tiro da fuori che termina alto.

Al 33′ i padroni di casa passano a sorpresa: da azione di corner, Lombardi è bravo ad anticipare Iemmello, che nel tentativo di rinviare lo stende. Il direttore di gara indica il dischetto e Di Mariano spiazza Leali, portando avanti i suoi.

La ripresa si apre con la risposta foggiana portata dallo stesso Iemmello, che lavora un buon pallone al limite dell’area ma trova la decisiva deviazione di Domizzi che manda in calcio d’angolo.

Il Foggia alza la pressione, conquistandosi un paio di calci di punizione dal limite che però Kragl non sfrutta, calciando in entrambi i casi contro la barriera. Grassadonia tenta il tutto per tutto, inserendo il terzo attaccante Matarese al posto del capitano di giornata Gerbo, ma senza trovare fortuna.

La difesa lagunare, guidata da un monumentale Domizzi, non cade e rischia solo in una occasione, quando Mazzeo calcia da buona posizione, trovando però la pronta risposta di Vicario.

Gli oltre sette minuti di recupero sono interminabili, con tutto l’ambiente arancioneroverde che temeva la beffa come accaduto in occasione del pareggio contro il Cittadella. Questa volta, però, i Leoni chiudono ogni spazio, gettando in tribuna qualunque pallone capitasse nei pressi dell’area di rigore.

Al triplice fischio partono i festeggiamenti per un successo quasi liberatorio, che fornisce ossigeno ai lagunari e riporta il Venezia FC a contatto con la salvezza diretta.

Non è stata probabilmente la partita giocata meglio dai ragazzi di mister Cosmi, ma poco importa. Come dichiarato dal tecnico stesso in conferenza stampa, i tre punti conquistati ieri sera hanno un valore capitale, sia per ciò che riguarda la classifica che per il morale.

Ora bisognerà andare ad Ascoli (lunedì 22 aprile alle ore 21.00) con l’obiettivo di prendersi un risultato importante, per poi affrontare il Crotone in un altro match da dentro o fuori.

Serviva vincere e così è stato. Nel momento clou della stagione i Leoni hanno dimostrato di essere più vivi che mai, confermando di poter lottare fino alla fine per la permanenza in Serie BKT.

Tags     #VENFOG    

Potrebbe interessarti anche