Bertinato: “Venezia è un sogno, qui per crescere”

Prima squadra   07 Febbraio 2019
Condividi   share

E’ stato uno degli ultimi acquisti effettuati dal Venezia FC nella finestra invernale del mercato, tanto da essere ufficializzato a poche ore dalla chiusura. Bruno Bertinato rappresenta un innesto per il futuro, soprattutto considerando la sua giovane età: classe ’98 e tanta voglia di dimostrare tutto il proprio valore anche in Europa, dopo averlo fatto nel suo passato brasiliano.

Venezia è il suo presente e anche il suo futuro, con un contratto che lo lega alla laguna fino al 30.06.2022:

C’erano proposte interessanti provenienti da altre società – esordisce Bertinato – ma con il Venezia FC stavamo parlando da molti mesi e non ho mai avuto dubbi. Per me è un sogno, ho sempre desiderato di poter vivere in questa splendida città, sin da quando ci ero venuto in visita con l’Under 16 del Coritiba per giocare il Torneo Nereo Rocco di Trieste.

In più c’è un progetto che mi ha affascinato dal primo momento, quindi sono davvero felice di essere qui e di poter giocare in Italia.

L’Italia, e il Veneto in particolare, hanno un significato profondo per Bertinato, le cui origine sono radicate in questo paese, sia dal lato materno che da quello paterno. Carmignano di Brenta e Arzignano, i luoghi da cui provenivano i suoi parenti, sono distanti solamente pochi chilometri da Venezia. Un modo, insomma, per ricongiungere Bruno al suo passato.

Non sono mai stato in questi posti, ma ora che sono così vicino li andrò a visitare. Venezia per me è una grandissima opportunità e voglio sfruttarla. Ho già avuto un primo contatto con i miei nuovi compagni, con cui ho svolto alcuni allenamenti. E’ un gruppo molto solido che mi ha accolto al meglio, sono davvero soddisfatto.

In più c’è mister Zenga, che per noi portieri è una icona. Ovviamente non ho avuto l’opportunità di ammirarlo dal vivo, ma mi hanno detto che era un grande portiere, paragonabile al Buffon di oggi.

Zenga e Buffon, due miti che hanno segnato due ere diverse e ispirato molti dei portieri in attività, come confermato dallo stesso Bertinato:

Ho iniziato a giocare come portiere a quattro anni, quando mi mettevo in porta a parare i tiri di mio padre. Con gli anni la passione è cresciuta, mi sono innamorato di questo ruolo e ho seguito le carriere dei più grandi numeri 1 al mondo. Ho sempre guardato a due portieri in particolare, che per me rappresentano due icone: Buffon e Alisson. Spero di poter seguire le loro orme.

L’arrivo di Bertinato, che ha scelto la maglia numero 29, è il risultato di un lungo corteggiamento da parte del Direttore Sportivo del club Valentino Angeloni, iniziato mesi fa e terminato il 31 gennaio con l’ufficializzazione del suo acquisto.

Siamo molto contenti di presentare l’ultimo nuovo arrivato in casa Venezia FC – spiega il Direttore Angeloni -, un giocatore dalle qualità importanti che proviene dall’altra parte del mondo.

Nella sua giovane carriera Bertinato ha vestito la maglia della Nazionale, fino all’Under 20, e noi speriamo che possa tornare ad indossarla. E’ un’operazione per il futuro, abbiamo voluto anticipare il suo arrivo inizialmente programmato per giugno così da poter lavorare sei mesi e abituarlo a un calcio e a una lingua diversa.

Abbiamo la fortuna di avere a disposizione uno dei migliori preparatori dei portieri in circolazione, Massimo Lotti, e un certo Walter Zenga, per cui non servono presentazioni. Con loro Bruno riuscirà ad esaltare e a migliorare le proprie caratteristiche.

 

 

Potrebbe interessarti anche