Suciu:”Non vedevo l’ora di rientrare in gruppo”

News / Prima squadra   10 Ottobre 2019
Condividi   share

Sergiu Suciu è uno dei giocatori che da più tempo veste la maglia arancioneroverde, essendo alla sua terza stagione al Venezia. Dopo l’infortunio, è stato convocato per la prima volta da mister Dionisi per la partita con il Cosenza:

“Non vedevo l’ora di poter tornare ad essere a disposizione del mister dopo questi due mesi in cui sono stato ai box a causa dell’infortunio. Mi sono fatto male in una rifinitura prima di una amichevole, dove ho sentito un movimento anomalo del gionocchio. Sono un pò in credito con la fortuna perchè spesso in carriera mi sono capitati infortuni, però bisogna pensare sempre positivo. In ritiro a Cosenza ero contentissimo di poter essere con i ragazzi, è un bellissimo gruppo, giochiamo bene e l’allenatore ci trasmette concetti che riusciamo poi a portare sul campo e fa piacere essere parte di un gruppo del genere.”

“Rispetto all’anno scorso sono cambiate tantissime cose ed è bello vedere la squadra che gioca a calcio, che si diverte; le prestazioni sono sempre state positive fino a questo momento. La scorsa stagione è stata tribolata e si è conclusa nel peggiore dei modi, retrocedendo ai rigori; la società è stata brava a ripartire da zero e con la mentalità del costruire. Ora c’è entusiasmo, anche perchè è bello guardare giocare il Venezia e perchè stiamo facendo dei risultati positivi. Sono fortunato perchè nella mia carriera ho quasi sempre giocato in squadre che giocavano bene, quest’anno direi in maniera particolare. Sono molto belli anche gli allenamenti, ogni giorno non vediamo l’ora di scendere in campo e le idee di Dionisi sono perfette per chi ama il gioco di tecnica e di palleggio.”

“Conosco Lupo dai tempi di Torino, l’ho sempre considerato molto preparato ed intelligente, e ritrovarlo qui a Venezia mi ha fatto molto piacere. E’ un dirigente molto abile nel costruire, come dimostrano le scelte che ha fatto nella scelta dell’allenatore e dei giocatori.”

Potrebbe interessarti anche