Ritiro estivo 2019: arancioneroverdi a Mezzana dal 12 al 26 luglio.

News / Società   26 Giugno 2019
Condividi   share

A seguito del disguido intercorso con APT Pinè Cembra con cui Venezia FC aveva sottoscritto l’11 aprile 2018 un contratto biennale che prevedeva che il club avrebbe effettuato i ritiri estivi delle stagioni sportive 2018-19 e 2019-20 presso l’altopiano di Pinè, e vista la volontà del club lagunare di risolvere in maniera costruttiva il problema creatosi, si comunica che la prima squadra svolgerà la propria preparazione estiva presso la località di Mezzana dal 12 al 26 luglio 2019. 

Giocatori e staff soggiorneranno presso l’Hotel Sporting Ravelli e si alleneranno presso il Centro Sportivo Comunale di Mezzana.

Nei prossimi giorni verranno comunicate anche le date delle amichevoli che il club si è subito attivato a ricercare.

I tifosi arancioneroverdi che avessero già prenotato e pagato il proprio soggiorno presso le località di Pinè e Cembra potranno rivolgersi all’Apt (+39 0461 557028) che rifonderà quanto dovuto.

Venezia FC ringrazia il titolare della struttura Alfredo Ravelli, il vice-sindaco del Comune di Mezzana Andrea Eccher, il direttore del Consorzio Turistico di Mezzana Luca Gosetti, Marco Dalla Riva di Trentino Marketing e l’APT della Val di Sole per la grande disponibilità dimostrata in occasione dei sopralluoghi avvenuti nei giorni scorsi.

 

 

Riportiamo anche il testo del comunicato diffuso oggi dall’APT Pinè e Cembra:

L’APT Pinè e Cembra dichiara che quanto apparso sulla stampa in relazione al ritiro precampionato della Società Sportiva Calcio Bari e del Venezia Football Club è da imputare unicamente ad un proprio disguido.

L’APT Pinè e Cembra si è subito attivata per individuare nel più breve tempo possibile una valida alternativa, affinché tutte e due le società potessero svolgere i rispettivi ritiri precampionato, eliminando ogni disagio per le stesse e i loro tifosi.

In questo senso, l’APT Pinè e Cembra vuole ringraziare il Venezia FC per la comprensione e la disponibilità dimostrate ad accettare il cambio della sede del raduno, tenuto conto che motivi di ordine pubblico non consentivano lo spostamento della SSC Bari.

Potrebbe interessarti anche