Il post partita di Venezia FC – Perugia

News / Prima squadra   01 Agosto 2020
Condividi   share

Il Venezia Fc di mister Dionisi ha conquistato questa sera una meritatissima salvezza, queste le parole del trainer arancioneroverde:

“Sono felicissimo per i ragazzi, per tutto l’ambiente. Ci siamo meritati questa salvezza, perché ce la siamo guadagnata senza guardare i risultati delle altre squadre. Ci saremmo salvati comunque, però oggi abbiamo disputato veramente un’ottima partita, complimenti a tutti. Non era facile, è stata una gara difficile. Non dobbiamo dimenticarci che gli episodi spostano l’esito di un match, alcune volte ci hanno tolto, oggi ci hanno dato, perché hanno fischiato un rigore contro di noi che non c’era, però, se non ci fosse stato il quarto uomo, probabilmente l’arbitro l’avrebbe convalidato, e successivamente l’arbitro ha fischiato un rigore a nostro favore. Certo che il risultato è comunque legittimato dalla prestazione. Sono davvero contento per i ragazzi: per quelli che oggi non hanno giocato, ma lo hanno fatto dagli spalti perché non erano in panchina. Non percepivamo la fiducia di tutti. Sinceramente, non la sentivo neanche io, quindi ce la teniamo stretta, questa salvezza, ma per chi vuole veramente bene al Venezia”.Dedico questa salvezza ad Alberto Pomini, a Bruno Bertinato, a Michele Cremonesi, a Gian Filippo Felicioli, Nicolò Simeoni, Mario De Marino, Franco Zuculini, Yuri Senesi, Gianmarco Zigoni, Davide Riccardi, Alessio Chiarin, Vincenzo Todaro, Mattia Bragato, Gabriele Chinello, Christian De Rossi, Andrea, Claudio Pavanello, i medici, lo staff sanitario, lo staff della prima squadra. Non ho parlato dei protagonisti oggi in campo, ma per me sono stati tutti protagonisti; ho cercato di parlare di chi, durante l’anno, magari non era stato gratificato dalla ribalta, però sono coloro che ci hanno fatto fare la differenza, quelli che hanno giocato meno. E sono le persone che lavorano all’ombra e che tengono tantissimo alla nostra causa. Questa vittoria è per loro, per quanto mi riguarda, e poi fatemi togliere un sassolino dalla scarpa: E’ troppo facile salire sul carro dei vincitori quando le cose vanno bene, ma se vogliamo cambiare la cultura, bisogna sostenere la propria squadra sempre. E’ troppo facile fare critiche, commenti come ho letto nei social; questi non sono tifosi. Quindi dedico la salvezza a coloro che tifavano veramente il Venezia FC anche quando le cose non andavano, quelli che, quando c’era una sconfitta, ci incitavano, perché quelli sono i tifosi. Per tutti gli altri, per me, non c’è posto sul carro del Venezia. Questa vittoria, quindi, è per tutti coloro che realmente vogliono bene al Venezia, in primis ai nomi che ho citato. Ma devo citare ancora un nome: il nostro capitano. Ha vissuto un periodo finale in cui non era facile, fare quello che ha fatto, perché è un ragazzo straordinario. Noi sappiamo quello che ha fatto, che è qualcosa di enorme, anche per quanto è stato vicino alla squadra.”.

Alessandro Capello ha realizzato la terza bellissima rete, che ha messo in cassaforte il risultato contro il Perugia:
“Aver conquistato la salvezza in casa è una gioia incredibile. La cercavamo tantissimo, ci siamo andati vicini a Cittadella ma ci è sfuggita per poco. Volevamo prendercela oggi a tutti i costi,perché abbiamo fatto una grande annata e ce lo meritavamo tutti”. Sono contento per il mio gol, anche perché con la mia rete abbiamo chiuso la partita. Sono abbastanza soddisfatto della mia stagione, anche se avrei potuto fare di più, soprattutto a livello di goal, ma lavorerò e cercherò di farmi trovare pronto già l’anno prossimo, per superare il mio score personale. I momenti più difficili della stagione? Secondo me alla fine del girone d’andata. Proprio a Perugia però, vincendo per 1-0,abbiamo dato la scossa al nostro campionato, tirandoci fuori da una situazione difficile. Poi senza dubbio, anche nel periodo del lockdown, quando siamo rimasti chiusi in casa ed abbiamo lavorato duramente, senza mai fermarci. La salvezza è un grande riconoscimento per quel che abbiamo fatto in quel periodo, senza mai mollare, rimanendo concentrati sul nostro obiettivo e pertanto siamo doppiamente felici di questa salvezza”.

Samuele Longo, dal suo arrivo in laguna ha dato un grande contributo alla squadra:
“Siamo contenti del risultato, sapevamo che dipendeva tutto da noi. Sapevamo che era una partita importante, abbiamo avuto alcuni giorni per prepararla e credo che l’abbiamo fatto al meglio. Oggi abbiamo raccolto i frutti dell’ultima settimana, ma penso anche di tutta la stagione, perché abbiamo lavorato davvero bene. Sono abbastanza soddisfatto di quello che ho fatto in questa stagione. Devo ringraziare lo staff ed i compagni, perché fin dal primo giorno mi hanno fatto sentire parte del gruppo. Ho percepito da subito la fiducia e sono contento di averli ripagati, anche perché era da un po’ di tempo che non la sentivo intorno a me, pertanto devo solo esser grato e contento per questo. Non ne saprei indivisuare un momento decisivo della stagione: è stata una lotta continua, abbiamo fatto vittorie importanti fuori casa, ricordo in particolare Pisa e La Spezia. Poi ci sono state tante altre partite chiave, abbiamo chiuso il campionato a 50 punti, non è poco. Sono da sempre una persona positiva, e credo che, per raggiungere gli obiettivi, sia necessario ragionare in questo modo. Per quanto mi riguarda, non ho mai avuto dubbi sulla nostra salvezza”.

Ivan Lakicevic nel finale di campionato ha saputo dare un gran contributo alla squadra:
“Voglio fare i complimenti a tutti, dal Presidente ai giocatori, dallo staff, al direttore fino ai tifosi. Abbiamo dato il massimo per tutto l’anno e oggi ci siamo fatti un grande regalo. Sono molto felice e soddisfatto. Sapevamo che oggi sarebbe stata una partita difficile, il Perugia è una squadra di qualità, ma anche noi siamo forti ed abbiamo saputo conquistare la vittoria ed una salvezza meritatissima.”

 

Potrebbe interessarti anche